IZVOR – Domenica 15 Dicembre 2013

articolo su IZVOR - Domenica 15 Dicembre 2013

articolo su IZVOR - Domenica 15 Dicembre 2013


Articolo sulla Tribù pubblicato in Croazia  (testo in Croato)

 

Articolo sulla Tribù della testata Croata IZVOR

(Articolo tradotto in Italiano)

 

Più siamo diversi, più siamo fratelli

Annalisa Roversi e Fabrizio Vertua, coppia sposata, sono volontari provenienti da Brescia in Italia, come si dice, il loro volontariato e aiutare gli altri non percepiscono come un sacrificio, ma come un modo di vita. Membri dell’Associazione di Bambo chiama bambo che sta lavorando con le nostre scuole in modo che i bambini provenienti da famiglie a basso reddito vanno in vacanza in Italia. Un passo importante che Annalisa e Fabrizio hanno fatto è stato andare in Africa, nella Repubblica Democratica del Congo, dove hanno adottato due ragazzi. Inoltre, insieme ad altre tre famiglie, hanno fondato l’associazione Tribù del mondo.

Ho incontrato Annalisa, quando lavorava come animatore presso l’ospedale di Gornija Bistra. Era vestita da clown e mi ha dato un palloncino a forma di cane. Lei era lì con un gruppo di volontari italiani per aiutare i bambini malati. Non le importava se dormivano nelle tende e si lavano il viso acqua fredda. E oggi Annalisa non è cambiata, volontaria sempre con la stessa passione e si impegna ad aiutare gli altri, proprio come il marito Fabrizio.

Volontari della gioventù

Annalisa e Fabrizio sono stati animatori da adolescenti nella loro comunità parrocchiale a Brescia, dove hanno assistito alle attività organizzate per i bambini che vengono dalla Croazia grazie all’Associazione Bimbo chiama bimbo. Poi si sono incontrati con il nostro insegnante di Tihomir Plesa, insieme ai bambini croati che vengono in Italia durante l’estate. Più tardi, in questa associazione sono diventati coordinatori e responsabili di progetto per la Croazia.
«Quando ci siamo sposati e abbiamo avuto una nostra casa, abbiamo deciso di ospitare i bambini croati in difficoltà e cercare di dare loro ciò che i loro genitori non possono, almeno per un po’. Abbiamo guadagnato un sacco di nuovi amici, abbiamo incontrato le famiglie dei bambini che sono stati con noi venendo in Croazia e da loro ho imparato tantissimo. Mi sento come se avessi una grande famiglia in Croazia» spiega Fabrizio.

Associazione Tribù del mondo aiuta gli orfanotrofi africani

Annalisa e Fabrizio per molti anni sono stati responsabili del Progetto Croazia, ora non lo sono più ma continuano comunque ad ospitare e ad aiutare i bambini Croati. Ma una volta in Congo, hanno visitato l’orfanotrofio nel quale i loro bambini che hanno adottato sono cresciuti adottati e nel vedere qual’è la situazione in quel paese e come le persone e bambini che vivono lì, hanno deciso di costituire un’associazione per aiutare la suora africana che gestisce due orfanotrofi. Lo hanno fatto insieme ad altre tre famiglie di Mantova, Trento e Milano, che hanno adottato i loro bambini dallo stesso orfanotrofio.
“Ho incontrato suor Benedetta, responsabile dell’orfanotrofio a Kinshasa. Ora siamo in contatto con lei e le mandiamo i soldi per il cibo, l’abbigliamento, le riparazioni e altro ancora. Lì i bambini non hanno quasi nulla; ogni giorno sono alle prese con la fame, la povertà, le malattie. Lì un giorno in più può fare la differenza tra la vita e la morte” spiega ancora Fabrizio e Annalisa aggiunge: «il motto della nostra associazione: “C’è una tribù, ci sono fratelli, e siamo, più ci sono fratelli”. Questo dovrebbe insegnarci a vicenda che ci dobbiamo aiutare a vicenda indipendentemente dalle differenze esteriori.»

Adozione di due bambini del Congo

Le adozioni internazionali in Italia sono consentite e c’è un gran numero di coppie che è in cerca di figli. Così sono Annalisa e Fabrizio che hanno avuto la possibilità di adottare i bambini provenienti da altri paesi. Hanno adottato il Zaccaria e Claudio a Kinshasa, che in precedenza avevano vissuto nell’orfanotrofio gestito da suor Benedetta. «Oltre ad essere molto costosa, l’adozione internazionale è un cammino piuttosto complicato. La coppia deve passare attraverso diversi test per stabilire se sono idonei ad adottare. Dal momento in cui abbiamo deciso di adottare, fino al giorno in cui i ragazzi sono arrivati a Brescia, sono passati circa due anni. Zaccaria aveva tre anni e Claudio quattro anni, il nostro è stato un percorso molto breve, rispetto ad altre coppie che hanno adottato bambini in altri stati. I ragazzi si sono rimessi ben presto in forma fisica, e hanno imparato la lingua in pochi mesi, fondamentale per imparare l’Italiano è stata la loro frequentazione della scuola materna, insieme ad altri bambini italiani, Claudio e Zaccaria hanno imparato molto presto» prosegue la sua storia Annalisa.
Zaccaria e Claudio sono usciti dalla povertà e hanno trovato una famiglia disposta a dare loro tutto. In Congo c’era la guerra vicino alla città dove loro abitavano, ora sono in un luogo tranquillo e pacifico. Quando sono arrivati in Italia la prima volta che hanno visto la polizia, hanno avuto molta paura perché le divise gli hanno ricordato i soldati.
Anche se i ragazzi sono ormai da due anni hanno a lungo con Annalisa e Fabrizio hanno ancora paura di rimanere senza cibo perché la fame era una costante in Congo.

Parte di ciò che siamo

«Non facciamo i volontari perché abbiamo qualcuno da aiutare, ma perché ne sentiamo il bisogno. Aiutare gli altri fa ormai parte della nostra natura» osserva Fabrizio.
«Il volontariato è per noi un modo di vivere, è parte di ciò che siamo. Le persone che aiutiamo ci danno molto più di quanto noi diamo facciamo per loro. Con la nostra associazione abbiamo costruito una scuola a Kinshasa vedendo i bambini che la frequentano tornare a sorridere respirando il loro affetto e il loro amore. Tutte queste emozioni viviamo, valgono più di una scuola costruita» spiega Annalisa sottolineando «come l’aiutare gli altri non deve essere un’attività separata dalle altre».

Amore per il volontariato trasmesso ai figli

«Siamo molto soddisfatti della nostra vita, aiutare è normale, non crediamo di aver qualche merito speciale. Siamo stati fortunati perché abbiamo incontrato persone come Tihomir e Benedetta, sono i nostri modelli che stiamo cercando di seguire perché loro hanno dedicato interamente la loro vita ai bambini. Abbiamo famiglia e impegni, ma stiamo cercando di fare qualcosa per gli altri, per quanto è nelle nostre possibilità. Tutto quello che facciamo, lo facciamo con grande gioia» – ha detto Fabrizio.
E anche i piccoli Zaccaria e Claudio sono coinvolti nella Associazione. Imparano anche loro a fare volontariato e aiutare gli altri. «Tutti e due hanno un salvadanaio nel quale mettono i soldi per i loro fratelli congolesi. Lo fanno volentieri perché hanno provato in prima persona ad essere bisognosi e di come sia importante avere ogni piccolo aiuto» dice Annalisa.
Anche nel nostro il paese ci sono molti bambini e persone che vivono in condizioni di povertà e sono in lotta quotidiana con la fame, la malattia e la morte, quindi è necessario che siano più persone come Annalisa e Fabrizio, persone disposte a sacrificarsi e lottare per gli altri. Perché «ognuno ha un uguale diritto alla vita, la salute e alla felicità».

Articolo scritto da Mateja, studentessa croata che ci ha intervistato per il giornale della sua scuola

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.