Solo i bambini ci slaveranno!

i bambini ci salverano

I bambini ci salveranno

i bambini ci slaverannoSolo i bambini ci salveranno! Questa è l’unica speranza che resta per il nostro futuro. Affidarsi al loro cuore davvero grande, capace di andare oltre le differenze, superare gli egoismi e compiere piccole grandi azioni di solidarietà.  Se un paio di mesi fa vi abbiamo raccontato la storia di Danny, Gus e Penny che, in Canada, hanno allestito una piccola bancarella per gli Angeli di Casa Marisa, questa volta rientramo nei confini italici.

Mercatino a Pinarella di Cervia

Arriva un messaggio whatsapp sul telefono di Federica, la nostra presidente. A scriverlo è Giulia, mamma di Alice e Vera, di 7 e 5 anni. Federica e Giulia si sono conosciute per caso, durante un pranzo oreganizzato dalla parrocchia per le bambine del catechismo, frequentato dalle figlie di Federica, Alice e Providence. Parlano di adozioni, del Congo, degli Angeli di Casa Marisa e così anche Giulia si fa coinvolgere, come altri genitori nelle nostre attività di raccolta fondi. Ma siamo in agosto, approfittiamo tutti per risposare dalle fatiche di un anno intenso di lavoro e di scuola… eppure, ecco il messaggio a sorpresa, quello che magari non ti aspetti in questo periodo dell’anno.

«Siamo a Pinarella di Cervia, Adriatico, a casa della nonna fino a fine mese… c’era il mercatino dei bambini e noi siamo andate con il ns banchetto solidale ❤e i giocattoli che non usiamo più portati da Siena… abbiamo fatto 61 € in 2 ore, 😳😳😳ad averlo saputo, porca miseria, svuotavo casa 😄😂!! Ci sono altri 2 mercatini da qui a fine mese ma ci rimane poca mercanzia 😱! Le bambine felicissime, esaltatissime, Alice al ritorno ha detto che vuole fondare l’associazione “Cuccioli di Tribù del mondo”🥰 con slogan “più siamo più forza abbiamo”».

 

 

La forza di un messaggio

i bambini ci slaverannoEcco in questo messaggio c’è tutta la forza di un seme ormai germogliato e che è in grado di far nascere fiori e frutti di questa bellezza! Sono queste le dimostrazioni di vicinanza che ci ricaricano le batterie! Alice e Vera, sedute nel loro metro quadrato di bancarella improvvisata a Pinarella di Cervia. Alice e Vera che vendono i loro giochi usati ad altri bambini, per aiutare gli Angeli di Casa Marisa.

E non è la cifra raccolta, comunque importante (perchè qualsiasi contributo è fondamentale per aiutare i nostri amici a Kinshasa), a dare la misura del loro grande cuore, ma è la spontaneità del loro pensiero che ci commuove ancor di più… l’idea di avere anche un’associazione di “cuccioli” è a dir poco fenomenale!

Grazie a queste piccole grandi donne, ai loro cuori e ai loro pensieri. In questo clima di odio, indifferenza, diffidenza verso l’altro ed egoismo, è il loro messaggio a darci ancora grande forza! E a farci pensare che solamente i bambini ci salveranno!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.